Pubblicato da: lastejan | 30/09/2016

Artisti dello scrocco

Alle medie c’era una ragazzina pluriripetente che mi scroccava la merenda ogni giorno. Lei veniva da una famiglia disastrata e non ce l’aveva mai, a posteriori mi fa molto pena. All’inizio dividevo volentieri con lei, ma dopo qualche mese mi sono resa conto che era una cosa a senso unico e che per lei era diventato un appuntamento fisso: a merenda si va dalla Ste e le si chiede da mangiare. Se osavo dire di no – magari perché avevo più fame o per semplice egoismo – mi insultava. Una volta mi sono un attimo girate le balle e le ho chiesto se non poteva portarsela lei, la merenda, oppure chiederla a qualcun altro.

Punta nel vivo, è scattata come un serpente velenoso: “Oh, ma che cazzo vuoi, oh! Te n’ho chiesto un tocchetto, eh, che cazzo vuoi? Non te l’ho mai chiesto prima [WTF?!], ma chi ti vuole? Guarda che ti dò una sberla, eh! Ma vaffanculo, oh, che stronza!”

Inutile dire che, nonostante avessi paura che mi picchiasse veramente, dopo questo simpatico torrente di minacce e insulti, si è dovuta cercare un’altra vittima.

Il ricordo però è ancora molto vivido per me, perché questa ragazzina da adulta ha rivestito un ruolo molto importante per la mia famiglia, per cui le sarò eternamente grata, perdonandole l’estorsione della merenda alle medie.

Quindi mi si sono subito drizzate le orecchie quando stamattina il Pupo mi ha detto: “Però, mamma, non capisco perché J. (omonimo del suo nuovo fratellino, suo amico on-off dall’asilo) vuole che io porti sempre il cacao, e non il latte.”

“Ma cosa importa a J. se tu hai il cacao o il latte? Mica lo beve lui, no?”

“Ma sì!”

“In che senso?!”

“Che lui beve sempre un po’ del mio latte e mangia sempre un po’ della mia merenda.”

No, ‘spe. “E lui non ce l’ha la merenda?”

“Sì, che ce l’ha.”

“E tu puoi avere un po’ della sua?”

“Sì: io gli dò un po’ del mio latte e merenda e lui mi dà un po’ della sua.”

“… e del suo latte, o succo, o quello che è.”

“No, lui non ha niente da bere.”

“Ah. Mi sembra bello che vi scambiate la merenda e dividiate le cose, però ricordati che il latte lo porti per te. Va benissimo se lo vuoi dividere con un amico, ma non è che lui può fare le ordinazioni come al ristorante e porti quello che vuole lui.”

“Ma lui ha detto che devo portare il cacao, non il latte, non capisco perché.”

“Perché il cacao è dolce e sa di cacao, mi pare chiaro. Però guarda che io lo dò a TE, e se lui vuole avere il cacao tutti i giorni, può chiederlo ai suoi genitori, vedrai che glielo daranno.”

Anche perché i suoi genitori, che conosciamo, non sono una poverissima mamma single con due figli teppisti che vive nella campagna ligure negli anni ’90, ma una benestante famiglia contadina che potrebbe mungergli la vacca ogni mattina, invece che fargli scroccare il latte della Lidl di mio figlio.

“Ma io glielo dò sempre perché lui mi dice di portarlo, anche se non so perché, perché noi abbiamo ancora due confezioni di latte a casa, e io ancora non volevo aprire il pacco del cacao, ma lui dice di portare il cacao e il latte lo posso portare fra due giorni.”

Io sto nano me lo mangio vivo. Ma facciamo la mamma, non la ragazzina delle medie vendicativa: “Dividere è giusto e bello, se anche lui divide con te, ma non va bene che lui ti ordini di portare determinate cose. Ti porti quello che vuoi TU e SE TI VA lo puoi dividere con chi vuoi.”

“Ma se lui mi dice che devo portare il cacao?”

“Gli dici che tu porti un po’ quello che ti pare, lui può chiedere ai suoi genitori di dargli il cacao, e non costringere te a portarlo per lui”, se no lo prendo per quel suo ciuffo biondo e lo roteo come un martello olimpionico.

Perché va bene la gentilezza e la generosità, ma anche ‘sti cazzi.

Annunci

Responses

  1. speriamo che sia chiaro, anche se vorrei TANTO vedere la scena del bimbo roteato come un martello olimpionico… 😀

    • Il bambino non ha giocato con lui per una settimana buona, da quando ha smesso di portare il latte. Ora ci gioca solo ogni tanto. Chissà perché. Ma come fanno a essere così falsi già a quell’età??


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: